Crea sito

Pallapugno femminile - E' serie C!

Sarà la serie C ad ospitare la squadra femminile dell'ASD Brusasco nel prossimo campionato federale. Le brusaschesi si sono infatti classificate al secondo posto nel loro girone di qualificazione per la vittoria sulla Monferrina Casale 2 e la sconfitta contro il Gabiano 1.

Dopo la straripante vittoria nella prima giornata, le brusaschesi, prive dell'assente Bonfante, sono scese in campo piene di grinta e determinazione contro il Gabiano 1, anch'esso uscito vincitore nel primo incontro.
Ma la furia brusaschese si è interrotta sul 4-1. Da lì in poi la luce s'è spenta e l'ASD Brusasco è stata letteralmente travolta dalle avversarie, capaci di vincere quattro giochi consecutivi e mettere in cassaforte il primo set, lasciando poi solo le briciole nelle frazioni successive.
A nulla sono serviti i consigli, i time out e le grida per spronarle, ormai le brusaschesi avevano imboccato un tunnel dal quale non sono più state capaci di uscire.

Pagelle:
Bordin - 5: prima dell'infortunio al braccio aveva offerto una buona prestazione in coppia con Liffredo nel 2 vs 2, ma ieri quella che si è vista in campo era un'altra Elena. Pochi i palloni mancati, ma molti, anzi moltissimi, quelli sparati a salve, facili da neutralizzare e schiacciare per i terzini avversari. DEGENZA
Dorato - 4,5: forse stanca dal lavoro, forse con troppi pensieri per la testa o forse semplicemente più sfortunata. E' difficile trovare le motivazioni che abbiano spinto Sara ad offrire una prestazione sottotono, priva di lampi e con talmente pochi salvataggi che si potrebbero contare sulle dita di una mano. CHI L'HA VISTO?
Liffredo - 6: nei primi cinque gioca la sua prestazione è una spanna sopra tutte le altre, tant'è che si sentono i tifosi avversari additarla addirittura come fenomeno. Poi però cala e si adegua all'andazzo delle compagne, sbagliando molto meno, ma senza più essere in grado di fare la differenza. CALMA PIATTA
Merlone - 4: è proprio vero che l'andamento delle prime conclusioni può condizionare l'intera prestazione. All'inizio un pallone, forse due, capita dalle parti di Francesca, poi niente fino al turno di battuta, quando manda la palla oltre la metà campo solo in un'occasione, dando il via alla rimonta avversaria. Da lì in poi non accade quasi più nulla, nel senso che riesce a schiacciare solamente in un paio di occasioni sulla miriade che gli capitano tra le mani. PERCHE', C'ERA?

Raffaele Guzzon || 07/03/2009 10:20.04 || Creative Commons License

Notizia successiva: Pallapugno maschile - Riaperto il campionato di Serie B
Notizia precedente: Pallapugno maschile - Si chiude il girone di andata con una sconfitta

Visite: 791632
Aggiornamento: 04 dicembre 2014
RSS news antipixelRSS appuntamenti antipixel