Crea sito

Pallapugno maschile - Sconfitta in finale nonostante il bel gioco

foto_pallapugno_2009Che la finale di serie B sarebbe stata proibitiva lo si sapeva già alla vigilia ed era, ad inizio stagione, impronosticabile che l'ASD Brusasco sarebbe stata una degli avversari della corazzata Vignale 3. Ma la sorpresa è stata la grinta dei brusaschesi, incitati dai numerosi tifosi accorsi a Cerrina (Al) per sostenere la squadra, che benché sconfitti hanno fatto vedere di cosa sono capaci, sia tecnicamente che mentalmente. "La miglior partita della stagione" il commento di Guzzon nel dopo partita, e non si stenta a crederlo visti i numerosi 40-40 raggiunti nei 4 set disputati, nonostante gli avversari fossero tecnicamente superiori: 2 campioni italiani U16 (senza contare i vari titoli europei...), un giocatore di serie A quest'anno in serie minore per un infortunio nel precampionato.

Il primo set scorre con una buona parità da parte delle due formazioni, a spuntarla i ragazzi alessandrini, grazie ad alcune conclusioni sfortunate dei brusaschesi. Nel secondo set il gioco sembra in mano solo agli avversari, con i terzini brusaschesi, fin'ora impeccabili, più impegnati e sotto pressione. Punto di svolta è l'ingresso di De Pasqualin, quest'anno rimasto in ombra per più di metà stagione, che entra in campo e trascina i rosso-neri a dominare il terzo set e rinnovando la speranza nell'impresa che avrebbe avuto dell'epocale. Il quarto set è nuovamente appannaggio dei campioni ora in carica, che, affrancati dall'ipnosi di De Pasqualin, riportano il match sulla loro strada per la vittoria.

Vignale 3 vs ASD Brusasco: 3 - 1 (5-3 5-1 2-5 5-2). ASD Brusasco: Giachino, Guzzon, Pecorella e Roffredo, a disposizione Bragastini e De Pasqualin.

Pagelle della serata (tra parentesi voto della stagione):

  • Bragastini - sv (6): Non gioca la finale in campo, ma la gioca fuori dal campo, in apprensione per la squadra grida e si sbraccia a dar consigli. Nella sua prima stagione con la pallapugno si guadagna la fiducia dei compagni in attesa della stagione di tamburello. STELLA NASCENTE
  • De Pasqualin - 7.5 (6): Si temeva che Mauro finisse per fare solo il suo compitino nella finale, invece entra in campo carico e fa vedere che è tecnicamente il migliore del gruppo. Quando la stanchezza bussa alla porta va pian piano a morire, ma regala lo stesso bei colpi. SERBATOIO BUCATO
  • Giachino - 8 (6.5): Messo a giocare dietro si trova o suo agio, la sua velocità ed agilità lo sostengono durante tutta la partita. Alla richiesta di posizionarsi da terzino, prende i suoi bagagli e vola a destra ed a manca ad intercettare palloni. SHOW MAN
  • Guzzon - 8 (7.5): Il rullo compressore della squadra, corre come un matto, schiaccia palloni con potenza (un pallone da buttare a metà partita...) e ci crede fino alla fine. Sotto stress diventa intrattabile, ma manda ko gli avversari. SENSA CUGNISIUN
  • Pecorella - 7 (6): Chiamato a gestire la squadra fa il possibile, in campo conferma la crescita avuta durante la stagione, intercetta e chiude più palloni del solito. Quando, puntato dagli avversari, perde il segnale lascia spazio agli altri giocatori. DTT
  • Roffredo - 7.5 (6.5): Si accomoda al suo posto e piano piano macina punti. Ogni tanto anche lui perde il segnale della partita, ma è bravo a riprendersi ed adattarsi al compagno di turno. POSTO FISSO

L'appuntamente con la pallapugno maschile è per i tornei estivi (tra cui il 21 giugno a Brusasco), con la certezza di disputare il prossimo anno il campionato di Serie A del Monferrato.

Dario Pecorella || 03/05/2009 15:04.04 || Creative Commons License

Notizia successiva: Tamburello - Inizio con il botto per i brusaschesi
Notizia precedente: Pallapugno femminile - A rischio l'accesso alla finale

Visite: 748785
Aggiornamento: 04 dicembre 2014
RSS news antipixelRSS appuntamenti antipixel