Crea sito

Memorial "M. Laurano": seconda giornata

Scandaloso: questo aggettivo, che non si ripeterà più nella news, potrebbe bastare per descrivere molte cose e persone di questo match, perso contro la Terra delle aquile per 7-4.

La partita è iniziata dopo le 22; nonostante l'ora tarda non ci hanno raggiunto sul campo due dei nostri migliori giocatori: Rigamonti e Mattu. La formazione che doveva scendere in campo era praticamente obbligata con il solo Carrera in panchina e gli altri convocati subito nella mischia.

La partita inizia e dopo dieci minuti gli aquilotti prendono già il largo portandosi sul 3-0, grazie a una difesa brusaschese molto imballata e che fatica a star dietro ai veloci avversari. La reazione brusaschese c'è e, anche grazie alla mancanza di freddezza dei nostri avversari, fissa il risultato sul 2-3 all'intervallo.
Il secondo tempo è molto più emozionante, sotto tutti i punti di vista: nei primi cinque minuti l'ASD Brusasco colpisce tre legni, ma poi subisce due goal fotocopia. Lì i brusaschesi smettono di comportarsi da squadra litigando tra di loro anzichè aiutarsi e la partita scorre verso la fine attraverso decisioni arbitrarie scandalose (ops, avevo giurato di non dirlo) che non hanno visto prese per il collo ai danni di Maida o deviazioni evidenti, fino a rasentare il ridicolo quando un giocatore della Terra delle Aquile è entrato in scivolata su Guzzon mentre era in uscita con il pallone ormai tra le mani travolgendolo e facendogli battere la testa per terra, la palla è rotolata in porta e l'arbitro ha dato il goal!

ASD Brusasco - Terra delle aquile: 4-7 (2 Maida, Carrera, Tatti)
ASD Brusasco: Guzzon, Galantuomo, Tatti, Zilio, Maida. (A disp. Carrera)

I voti dei giocatori, decisi dal socio Pecorella, vista l'assenza di mister Masoero:

  • Guzzon - 6: prende nuovamente 7 goal, ma ha colpa solo in occasione della sesta rete avversaria. Per il resto si oppone alla grande quando si trova uno contro uno sui veloci contropiedi avversari. Colpito duramente, termina il match con il ghiaccio in testa. PETER CECH
  • Galantuomo - 6: arriva all'ultimo momento con una partita sulle gambe giocata appena un'ora prima e, almeno inizialmente la sua reattività ne risente. Nel secondo tempo migliora, coprendo meglio e togliendo alcuni palloni calciati a colpo sicuro verso la sua porta. Il suo segna-pali colpiti ha due palline in più. STAKANOVISTA
  • Tatti - 5,5: l'inizio è ingiudicabile talmente ha giocato male, patendo in ogni modo la velocità e il dribbling del numero 3 avversario. Tolto dal ruolo di difensore aggiunto la sua prestazione si trasforma, anche grazie all'ottima intesa con Maida e al gran goal segnato prima del fischio finale. MAI PIU' IN DIFESA
  • Zilio - 5: per un bomber come lui finire nuovamente la partita senza aver segnato testimonia la scarsa vena e fortuna che l'accompagna in questo periodo. Corre come sempre tantissimo, ma un insolito nervosismo lo fa accanire contro i compagni di squadra nei momenti di difficoltà. STRILLONE
  • Maida - 6: la sua partita andrebbe divisa in due tempi. Nel primo gioca, lotta e segna una doppietta; nel secondo si innervosisce a causa dell'arbitro e delle urla dei compagni e tira i remi in barca quando la partita poteva ancora essere raddrizzata. PERMALOSO
  • Carrera - 6,5: in netto miglioramento rispetto alla prima partita, riesce a segnare un goal e mezzo (Maida gli nega la gioia della doppietta) e mostrando alcuni ottimi passaggi e dribbling. La tenuta atletica è come sempre mediocre e lo costringe a frequenti soste in panchine. DRAGSTER

La prossima partita sarà mercoledì 11 luglio alle 22 contro La Stoppa, dove servirà una prestazione completamente differente rispetto a quella offerta nell'ultima partita per ottenere la vittoria e il pass ai quarti di finale.

Raffaele Guzzon || 06/07/2007 09:05.59

Notizia successiva: Playoff di tamburello - L'andata al Rocca d'Arazzo
Notizia precedente: Incredibile qualificazione ai playoff di tamburello

Visite: 767250
Aggiornamento: 04 dicembre 2014
RSS news antipixelRSS appuntamenti antipixel