Crea sito

Playoff di tamburello - L'andata al Rocca d'Arazzo

Una partita di eccezionale bellezza e combattuta fino alla fine quella tra Rocca d'Arazzo e Monferrina Brusasco, con i padroni di casa astigiani che conquistano il primo punto dei playoff: 16 - 14 il risultato.

La trsferta brusaschese parte in salita con la consueta difficolta nel trovare il campo avversario: prima un'uscita sbagliata in tangenziale e poi un ponte appena crollato. Tuttavia l'entusiamo era alto e l'obiettivo era ovviamente espugnare Rocca d'Arazzo, imbattuta in casa. Da rimarcare l'utilizzo della famigerata pallina "Artengo 720", molto veloce e più simile ad una pallina da tennis tradizionale che alla più familiare depressurizzata utilizzata nel girone 1.

La partita inizia (come si è ormai abituati) in salita per gli ospiti che faticano a trovare le distanze a causa del forte vento e della pallina proiettile: 8 - 1 il parziale per il Rocca d'Arazzo con una marcia in più rispetto ai brusaschesi. Poi la svolta ed il match cambia volto: De Pasqualin recupera un po' di feeling con la pallina (finora un oggetto da mandare in orbita), Serraiocco si fa più preciso, i padroni di casa più aggressivi a vantaggio dei terzini Pecorella e Roffredo (in splendida forma) e Guzzon in furore agonistico non sbaglia un colpo. Il match si fa pian piano più equilibrato e il Brusasco esce dal torpore iniziale (De Pasqualin passa a mezzo volo e Serraiocco arretra) per tentare il colpaccio: si arriva fino al 14 - 13 per il Rocca, con parziale (dopo i 7 giochi di distacco) di 12 - 6 per i brusaschesi. Il trampolino passa al Rocca che porta a casa il gioco del 15 - 13 con il Brusasco nervoso e di nuovo soggetto ad errori evitabili. Nel secondo trampolino dei padroni di casa si rivedono i brusaschesi giusti ed il divario torna ad 1 solo game. Purtroppo nell'ultimo gioco il nervosismo prende il sopravvento: gioco e match al Rocca che rimane imbattuto in casa.

Rocca d'Arazzo vs Monferrina Brusasco 16 - 14
Monferrina Brusasco: Guzzon, De Pasqualin, Pecorella, Roffredo e Serraiocco.

Come sempre le pagelle decise collegialmente sulla macchina blu:

  • Guzzon - 6,5: Disuccupato per i primi dieci minuti viene poi chiamato in causa e risponde perfettamente agli avversari. Sbaglia pochi palloni e non soffre della malattia del lancio in orbita delle palline. Nel finale perde l'intesa con il compagno a fianco e non può esprimere le sue ottime battute, ma rimane ben concentrato durante tutto l'incontro. OGM (Organismo geneticamente Modificato)
  • De Pasqualin - 5,5: La palla è il suo avversario per quasi tutto il match, sempre mandata lunga sia negli scambi che nelle battute. Non riesce a trovare il feeling con la posizione sia arretrato che a mezzo volo, si riscatta nel finale con dei bei colpi piazzati che non lasciano scampo agli avversari. ANIMA IN PENA
  • Pecorella - 7,5: Come ad ogni partita di spessore la sua prestazione è eccellente. Con il compagno Roffredo resta inattivo per 9 giochi, poi inizia la contraerea sugli avversari chiudendo ogni punto. Sbaglia l'ultimo punto dell'incontro. FIREWALL
  • Roffredo - 7,5: Partiva come sempre con l'handicap della scarsa visibilità notturna, ma ha saputo porvi rimedio trovando una buona posizione di gioco. Come il compagno di ruolo Pecorella intercetta tutti i palloni nella sua direzione e li chiude a punto senza lasciare replica agli avversari. RADAR
  • Serraiocco - 6: Patisce anche lui la pallina malefica ed a tratti si innervosisce. Come sempre risponde all'attacco degli avversari con ottime palline piazzate. Arretra dal suo solito ruolo di mezzo volo per sostituire De Pasqualin e portare a casa qualche trampolino. ARTIGLIERIA PESANTE

Il prossimo incotro sarà il match di ritorno in casa del Brusasco il giorno 10 luglio alle ore 21.

Dario Pecorella || 07/07/2007 10:52.43

Notizia successiva: Playoff di tamburello - Il ritorno finisce in pareggio
Notizia precedente: Memorial "M. Laurano": seconda giornata

Visite: 792395
Aggiornamento: 04 dicembre 2014
RSS news antipixelRSS appuntamenti antipixel